.
Annunci online


19 dicembre 2010
Tags: Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Angela Merkel Germania nazionalismo
Tedeschi egoismi modello Angela
Si dice che la Germania sia diventata egoista, che non abbia più a cuore le sorti dell’Europa e che abbia dimenticato i doveri di riconoscenza verso quei paesi che contribuirono alla sua rinascita dopo il 1945. Forse è tutto vero. Ma è altrettanto vero che per il 2010 la Germania può vantare uno spettacolare tasso di crescita del 3,6%, unico tra le grande economie europee, e che tra il 2005 e il 2010 il numero dei suoi disoccupati è passato dai cinque milioni ai poco meno di tre milioni. Sono cifre che, confrontate con quelle assai più aride di altre economie continentali, potrebbero giustificare qualsiasi legittima forma di tutela degli interessi nei confronti di chi pretende che siano soprattutto i contribuenti tedeschi a finanziare la messa in sicurezza dell’Europa dal ritorno della crisi finanziaria. E tuttavia lo spauracchio del cosiddetto “egoismo tedesco” non è una novità degli ultimi mesi, ma deve essere collocato sullo sfondo di una storia recente che ha visto la Germania recuperare il senso pieno dell’interesse nazionale dopo decenni nei quali la consapevolezza della propria forza politica ed economica era stata frenata dal peso della colpa storica. Berlino è arrivata gradualmente a questa nuova e più emancipata coscienza di sé, libera da inibizioni che venivano ancora dal trauma bellico. Vi si era avvicinata già negli anni Novanta, quando dinanzi alle sfide per la sicurezza europea seppe assumersi responsabilità militari del tutto inedite. Ma l’ha raggiunta pienamente con Angela Merkel, già negli anni della cosiddetta “grande coalizione” che uscì dalle elezioni del 2005 e che vide la signora di Amburgo guidare un’alleanza CDU-SPD. Ci aiuta a capire meglio questa fase recente della vicenda tedesca un libro appena pubblicato dal Mulino e prodotto dall’Istituto Cattaneo di Bologna (“La Germania di Angela Merkel”, a cura di Silvia Bolgherini e Florian Grotz, pp.286, euro 23,00), nel quale analisi molto puntuali ricostruiscono le dinamiche politiche, elettorali ed economiche dell’immediata vigilia di quest’ultimo cancellierato. Vi si legge ad esempio che già in quegli anni, e dunque ben prima dell’esplosione della crisi finanziaria globale, nella politica europea di Berlino fosse riconoscibile un orientamento di “pragmatizzazione” incentrato sul “netto rifiuto tedesco di continuare ad essere l’ufficiale pagatore dell’Europa”. Dalla Germania niente di particolarmente nuovo, dunque. Se non una determinazione ancora maggiore a difendere i propri interessi nazionali, a fronte di risultati economici ancora più spettacolari.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Angela Merkel Germania nazionalismo

permalink | inviato da Andrea Romano il 19/12/2010 alle 15:49 | Versione per la stampa

28 aprile 2010
Tags: Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Germania Grecia Merkel
La normalità dell'egoismo tedesco
La Germania è forse popolata da egoisti che non hanno a cuore il destino della Grecia? Ad un primo sguardo parrebbe di sì, almeno a leggere quei sondaggi che raccontano dell’ostilità di quasi nove tedeschi su dieci alla prospettiva di salvare Atene con i soldi di Berlino. Ma se grattiamo sotto la superficie, ci appare una realtà meno legata ai fatti delle ultime settimane. La realtà di una nazione tedesca che, da un lato, subisce ancora il peso di un trauma non del tutto metabolizzato e, dall’altro, ha recuperato il senso di un interesse nazionale che vuole rendere pienamente visibile in Europa e nella comunità internazionale.

Il trauma che torna a farsi sentire in questi giorni nelle percezioni di tanti tedeschi non è il ricordo lontano del tracollo finanziario della Repubblica di Weimar, ma quello più recente della perdita di sovranità monetaria che ha permesso all’Europa l’adozione della moneta unica. Se la forza del Deutschmark era stata il perno della rinascita della Germania occidentale, l’emblema del rigore finanziario a cui si erano votate dal secondo dopoguerra le sue classi dirigenti politiche ed economiche, la rinuncia a quel pilastro non è avvenuta a costo zero. Sullo sfondo di quello che solo in apparenza poteva sembrare un atto di generosità gratuita – il suicidio del marco per far nascere l’euro – è rimasta sospesa la richiesta di non attingere mai alle tasche dei tedeschi per finanziare le eventuali sbandate della moneta unica. È quella richiesta che oggi torna a farsi sentire, alimentando la vasta opposizione popolare al piano di salvataggio della Grecia così come la pretesa di larga parte della politica tedesca di subordinare quegli aiuti all’adozione di impegni molto più rigorosi da parte del governo greco.

Ma ben più forte del ritorno del trauma da perdita del Deutschmark è il peso dell’interesse nazionale che la Germania ha pienamente recuperato da almeno un decennio, liberandosi dei sensi di colpa che ne avevano imbrigliato l’iniziativa internazionale nella seconda metà del Novecento. Alla fine degli anni Novanta, quando il governo di Gerhard Schroeder e Joschka Fischer decise di farsi parte attiva nella gestione dei conflitti balcanici, si disse che il ritorno dei soldati di Berlino fuori dai confini tedeschi segnalava la ritrovata consapevolezza della Germania dei propri interessi nazionali e la nuova determinazione a farli pesare ben oltre i fantasmi del Ventesimo secolo. Non si trattò di una previsione sbagliata. Perché da allora la Germania non ha più smesso di muoversi in Europa e nella comunità internazionale come una nazione pienamente consapevole della propria forza politica.

Per la Germania la crisi greca equivale sul piano economico a quello che la guerra del Kosovo ha rappresentato sul piano della sicurezza. Oggi come allora, Berlino intende pesare in Europa per quello che può concretamente dare. Nessun contributo proveniente dalla Germania può essere considerato come una scontata gratuità, o come il prezzo per colpe che nessun esponente delle sue classi dirigenti ritiene di dover ancora pagare. È un elemento di realtà con cui è indispensabile fare i conti quando leggiamo gli orientamenti dell’opinione pubblica tedesca sull’emergenza greca. Piuttosto che una manifestazione di egoismo, quegli orientamenti rappresentano un segnale di ritrovata normalità nazionale rispetto alla quale gli appelli all’altruismo sono destinati a cadere nel vuoto. Da qui la saggia durezza di Angela Merkel, che invece di vestire i panni della generosità ha preferito alzare il livello delle richieste di rigore verso la Grecia. Un atteggiamento accorto. E soprattutto indispensabile a conquistare il consenso dei tedeschi.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Germania Grecia Merkel

permalink | inviato da Andrea Romano il 28/4/2010 alle 10:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

sfoglia novembre        gennaio